Sunday, July 2, 2017

A God First Household

XIII Sunday Ordinary Time
St. Mary’s Cathedral Parish
Austin, TX

         Coming upon today’s Gospel, we hear one of the more startling and straightforward teachings of our Savior. Whoever loves father or mother, or son or daughter more than me is not worthy of me (Matt 10:37). If this statement were not strong enough, recall the sentence immediately preceding it: “Do not think that I have come to bring peace on earth; I have not come to bring peace, but a sword. For I have come to set a man against his father, and a daughter against her mother, and a daughter-in-law against her mother-in-law; and a man’s foes will be those of his own household” (Matt 10: 34-36). With these demanding lines, much like William Barret Travis did at the Alamo Jesus draws a line in the sand; you’re either with me, or not.
         Context, of course, is always important for understanding such sayings of our Savior. Chapter 10 of Matthew’s Gospel, from which we read today, begins with the naming of the original 12 disciples, that small group of men who would become Jesus’ closest confidants. After naming the 12, Jesus sends them off on a little mission, a trial run. This practice would be essential to prepare them for that great commission at which time they would become the 12 Apostles sent to baptize all nations in the name of the Father, and of the Son, and of the Holy Spirit. The rest of chapter 10 consists of Jesus’ parting speech, His marching orders for the 12 in this little mission of theirs. The scene is not much different than that before a great battle, like the Alamo, the commander rallying the troops with a stirring speech, for God, for country, for glory! Thus, Jesus speaks today to the original 12, to those chosen by Him for a particular mission. These words, therefore, fall today on those called to be priests and religious, those successors to the Apostles in that special mission to preach the Gospel to the ends of the earth.
         Men, boys, consider being a priest. As I mentioned already, the joys of the priesthood are great. Yet, the life of a priest is not without sacrifice. Long days, sleepless nights, the dramatic heroic moments stopping to anoint someone dying on the scene of a car accident, but also the monotonous hours of confessions or routine. Here Jesus is very clear: “whoever does not take up his cross and follow after me is not worthy of me. Whoever finds his life will lose it, and whoever loses his life for my sake will find it” (Matt 10:38-39). Men, deep down in your hearts is a desire to do something great. This desire compels us to offer our lives as a sacrifice for others. It compels a man to enter the military, give himself in marriage, work for his family, and serve his neighbor. Christ is asking that you do something great for Him, to lay down your life as He did for the salvation of the world.
         Yet, if this Gospel applies directly and specifically to those called to leave everything behind even family, it most certainly applies indirectly or by association to all of the faithful. Like “oil upon the head, running down upon the beard of Aaron, running down on the collar of his robes” (Ps 133:2), the teachings of Christ to his disciples fall upon those shepherds who stand in the person of Christ the Head and trickles down upon the rest of Christ’s Mystical Body, His Church. So, what can be said of those lines: “Whoever loves father or mother, or son or daughter more than me is not worthy of me” (Matt 10:37)?
         These lines are best understood in reference to all if they are inverted. For if it is true that Whoever loves father or mother, or son or daughter more than Christ is not worthy of Him, then so is the inverse; you do not truly love father or mother, son or daughter if you do not love Christ more. That is to say, the love of our family will not be true if we do not love God first. And this is especially true if we consider that God is love. For if God is love, then how could there be true love among our families without Him? If God does not come before family, inevitably we will do one of two things. Either we will cling to our families making them into god. In this way, we expect our parents, our spouses, our children, and sometimes even our older siblings to be perfect for us. We hold them to impossible standards and when they fail become disappointed and embittered. Or, we will try to control our families as if we ourselves were their god. In this way, we try to dictate the lives of our children, our spouses, our siblings, and, yes, sometimes our parents. You have never seen a parent running around to please their children? Here expect our family members to follow our own plan set before them and when they fail or simply do not want to accomplish it, because they are not who we think, then we feel betrayed and become quite angry. The good news is that if we love God first, as Jesus is exhorting us to do today, we will see our family members, parents, children, spouses, parents, and siblings as gifts from the Lord, for that is what they are.
A very concrete way to begin a “God first household” is by creating space in our family structure, space in our busy schedule for family prayer and a place in our homes to do it. We make time and space in order to eat (a kitchen and dining room), to sleep (a bedroom), and to entertain (a living room), but do we make room for God? Does God have a place in our household? We hear in the first reading how this “woman of influence” created a space for the prophet Elisha, a holy man of God, and was blest with a child for it. Create a space for devotion in your household, and use it. As simple as a kneeler, a cross, and some candles, as great as a chapel-like room for meditation and prayer, find a place for prayer in your home. This is not simply Catholic feng shui, but a good way to begin a “God first household,” which abides in gratitude for the love of God present in the gift of each other.

Tuesday, June 6, 2017

Maria Sposa dello Spirito

Dominica Pentecostes
Suore Francescane dell’Immacolata
Frattocchie, IT

            Il rombo forte fatto, il vento gagliardo soffiato, e lì si trovava in mezzo a tutti seduti con
lingue come fuoco posate su di loro, una donna, la Madonna, la Vergine Maria. È molto comune trovare in un dipinto della Pentecoste che mette in rilievo questo fatto, la presenza della Madre di Dio. In fatti, si appara come lei è il centro del evento, il punto centrale intorno a cui tutto si gira. Pero se guardiamo il testo, non si fa menzionare; S. Luca autore degli Atti degli Apostoli in cui si legge del evento della Pentecoste non riconta la sua presenza. Sicuramente se S. Giovanni avesse scritto gli Atti, avrebbe lui fatto menzionare la nostra Madre, no? Allora possiamo chiederci, come sappiamo che Maria c’era stata?
            Prima di tutto, risponderemo «perché no?». Lei ha tutto a che fare con la vita dei discepoli. Lei ha seguito Gesù con i discepoli essendo presente a quasi tutti dei più grandi momenti e rimasta tra nei pochi accanto alla croce. Quindi, è tutto sensibile che lei c’era stata anche questa volta.
Certo, poche righe prima dice «Tutti questi erano assidui e concordi nella preghiera, insieme con alcune donne e con Maria, la madre di Gesù e con i fratelli di lui» (Atti 1,14). Pero questo era un altro giorno in cui scelsero Mattia come nuovo apostolo. Questo giorno, il giorno della Pentecoste, era un altro giorno. È qui il testo dice semplicemente che c’erano stati tutti i discepoli nello stesso luogo, tutti discepoli (cf. Atti 2,1)[1]. Pero, non era Maria una discepola? Nel Vangelo Gesù disse «Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui» (Gv 14,23). Non era beata lei per questa stessa ragione? «“Beato il ventre che ti ha portato e il seno da cui hai preso il latte!”. Ma egli disse: “Beati piuttosto coloro che ascoltano la parola di Dio e la osservano!”» (Lc 11,27). Quindi, la Madonna era nominata tra nei discepoli, seguaci di Gesù, ascoltatori della Sua parola. In fatti, mi pare che S. Luca voleva sottolineare questo, che Maria era la prima tra nei discepoli.
            Ma la Vergine ha meritato di essere centro di questa scena non perché era fedele a Gesù più che gli altri come un’atleta spirituale più forte. No, la ragione per cui lei era stata messa nel centro era questo riferimento di Gesù sulla dimora: «Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui» (Gv 14,23). Maria aveva già sperimentato la dimora dello Spirito del Padre e del Figlio; lo Spirito Santo promesso dell’Arcangelo Gabriele ha già disceso su di lei. «Lo Spirito Santo scenderà su di te, su te stenderà la sua ombra la potenza dell'Altissimo» (Lc 1,35). Pensate come lei già sapeva di questa dimora mentre incinta con Gesù nella Visitazione ad Elisabetta: «Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino le sussultò nel grembo. Elisabetta fu piena di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: “Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo!” (Lc 1,41-41). Quindi, dove scendesse lo Spirito, dovrebbe essere la Madonna, in quanto la prima persona di ricevere lo Spirito sulla terra.
            Infatti, come nella sua Immacolata Concezione, La Vergine Maria ha proceduto il suo Figlio Gesù nel ricevere lo Spirito. Due concezione immacolate, di Maria e di Gesù; due discese dello Spirito Santo all’annunziazione e al battesimo, e la Madonna sempre in anticipo. In anticipo non di grazie, ma di tempo attraverso il merito preveniente della Passione del suo Figlio.
            Allora immaginatevi la comodità, la familiarità della Madonna con lo Spirito. Era già sposato con Egli, Sposa dello Spirito. Quindi, lei era al centro perché aver ricevuto lo Spirito già una volta, lo sapeva come apre il Suo Immacolato Cuore e riceverlo di nuovo. Per questo sono girati intorno a lei, guardando a qualcuno sappia che sta succedendo. In momenti incerti noi guardiamo alla persona che si dimostra come sa come agire, no? Questa è la logica. Con il suono e il vento, Maria riconosceva la venuta dello Spirito; lei si dimostra di sapere come agire in questo momento grande e tutti sono girati a guardare ed imperare.
            Anche noi oggi con l’avvento dello Spirito nell’eternità della liturgia guardiamo alla Madonna per imperare come ricevere il Paracleto, colui che Gesù ci ha promesso di dare. L’Avocato che illuminerà la nostra mente e egli c’insegnerà ogni cosa e ci ricorderà tutto ciò che io ci ha detto (cf. Gv 14,26). Il Consolatore che darà al nostro cuore la Sua pace in ogni tribolazione. Allora, guardiamo a Maria e riceviamo di nuovo lo Spirito di Verità e di Pace, Lo Spirito Santo. Veni Sancte Spiritus.




[1] La parola «discopoli» qui dovrebbe essere un inserimento nella traduzione latina, perché non c’è nel Greco.

Monday, May 15, 2017

Il Paraclito

Dominica IV post Pascha
Image result for the holy spiritSuore Francescane dell’Immacolata
Frattocchie, IT

         Ancora in questo periodo intermesso, un tempo di quieta, torniamo di nuovo nella memoria degli apostoli al ultimo discorso di Gesù. Torniamo alla promessa del Paraclito, quando Gesù parlava del suo ritorno al Padre nel cielo e il mandato del Paraclito. Cioè l’Ascensione e la Pentecoste. Pero non siamo lì ancora. Quindi, perché gli Apostoli avevano in mente questo parte del ultimo discoro? Perché nella meditazione di questi giorni, torniamo a questo punto sulla promessa del Paraclito?
         Sicuramento prima che Gesù ha visitato gli Apostoli dopo la Sua risurrezione, la loro preoccupazione era la colpa, il peccato. Gli Apostoli hanno vissuto tre anni con il Figlio di Dio, ascoltando ed imparando tutto di questa nuova vita. C’erano nel discorso sul monte dove Gesù ha indicato tutto un nuovo itinerario per i discepoli—Beati coloro […] la via delle beatitudini. Hanno capito come «non passerà neppure un iota o un segno dalla legge» vecchia ma richiede una giustizia più alta degli Scribi e i Farisei (Matt 5,18.20). «Avete inteso che fu detto agli antichi: Non uccidere; chi avrà ucciso sarà sottoposto a giudizio. Ma io vi dico: chiunque si adira con il proprio fratello, sarà sottoposto a giudizio» (Matt 5,21-22). Nel compiere la legge antica Gesù la radicalizza, cioè fa sì che non c’è un minimo di non fare, ma un massimo di cercare. Lo standard non è soltanto d’essere santo come il Padre è santo (cioè separato da tutto il male che c’è nel mondo) ma d’essere perfetto come il Padre nel cielo (cf. Matt 5,48).
Di più nella lavanda dei piedi i discepoli hanno visto quell’ultima serra come Gesù prendeva lo stato del servo rispetto agli altri. Ciononostante d’essere maestro, si ha abbassato nel servizio e nel amore per gli altri. E in fine, hanno ricevuto il nuovo comandamento, «che vi amiate gli uni gli altri; come io vi ho amato» (Gv 13,34). Allora Gesù ha preso su di sé lo standard, Egli stesso è la misura di questa nuova vita. Non basta amare secondo le regole, ma amare come Gesù stesso, amare come Dio.
Pero nella delusione di quella notte dopo il canto del gallino, e nel fallimento della crocifissione, gli Apostoli sono resi timorosi e scoraggiati dietro porte chiuse per paura dei Giudei (Gv 20,19). La colpa di questo peccato, di non aver fatto quello che ha detto Gesù pesava, gravava sulle loro coscienze. Certo dopo la risurrezione hanno ricevuto il perdono di Gesù. Gesù «si fermò in mezzo a loro e disse: “Pace a voi!”» (Gv 20,19). E ricordiamo quel famoso momento in cui Gesù ha perdonato Pietro chiedendolo tre volte: «Simone di Giovanni, mi vuoi bene tu più di costoro?» (Gv 21,15). Gli ha perdonato Gesù. Ma nella libertà di questo perdono, ci rimane la domanda, la domanda degli Apostoli che ha suscitato questo ricordo della promessa del Paraclito. Perdonato, come io vivo di nuovo secondo questo standard? Come io posso compiere questa nuova vita? Aver caduto una volta, che assicurerà che non cadrà di nuovo? Sia possibile vivere questa alta vita?
         La domanda non è così lontano da quella della Madonna. Aver sentito il messaggio del Angelo, disse «Come è possibile? Non conosco uomo» (Lc 1,34). Dalla forza sua, Maria non conosceva una possibilità di raggiungere questa chiamata ad una nuova vita. La risposta del Angelo alla Vergine e lo stesso di Gesù agli Apostoli. «Lo Spirito Santo scenderà su di te, su te stenderà la sua ombra la potenza dell'Altissimo» (Lc 1,35). «Quando però verrà lo Spirito di verità, egli vi guiderà alla verità tutta intera» (Gv 16,13). Lo Spirito, Lo Spirito ci fa vivere nella libertà di quel perdono originale che abbiamo ricevuto nel battesimo. Lo Spirito ci fa superare la paura di non vivere secondo lo standard di Gesù. Lo Spirito che abbiamo ricevuto nella Cresima—siamo sigillato dallo Spirito—ci da i suoi doni per seguire l’itinerario delle Beatitudini. Lo Spirito che abbitta nei nostri cuori ci da la forza di cercare questa radicale perfezione del Padre. Lo Spirito che dimora in noi ci purifica da tutti quei vizi—l’ira, l’accidia, la gola, l’invidia, lussuria, l’avarizia, e la superbia—perché tutto quello che esce dalla bocca che proviene dal cuore veramente immondo l’uomo (cf. Matt 15,18).
Figlie Carissime, è Lo Spirito d’adozione che ci fa figli di Dio nel unico Figlio chi è Gesù. «Ogni buon regalo e ogni dono perfetto viene dall'alto e discende dal Padre della luce», e Lo Spirito è il compimento di ogni regalo (Gc 1,17). Quindi, è questo passaggio, questo momento della promessa dello Spirito Paraclito che ricordavano gli Apostoli. Non abbia paura della vita alta a cui ci chiama il Padre, «Questo è impossibile agli uomini, ma a Dio tutto è possibile» (Matt 19,26).



Sunday, May 7, 2017

Gioia dopo «un poco»

Dominica III post Pascha
Suore Francescane dell’Immacolata
Frattocchie, IT

Ave Maria!

         Parecchie settimane dopo la Pasqua ci troviamo con i discepoli riflettendo sul tutto quello che Gesù ha detto. Dopo l’annuncio del Angelo a Maria Magdalena, dopo l’apparizione di Gesù nel cammino ad Emmaus, ed anche tra ne i discepoli e Tommaso, dopo tutto questa emozione e dramma ci troviamo nella quieta dei giorni intermessi. Un tempo di riflettere e ricordare, di replay gli tre anni passati con Gesù e sopra tutto gli ultimi giorni. Si può immaginare uno dei discepoli dicendo ricordate come Gesù in quella notte ha detto «un poco e non mi vedrete; un pò ancora e mi vedrete». In quel allora non potevano capire le parole di Gesù. Che Egli parlava della Sua morte e risurrezione. In fatti, Gesù solo poteva dirglilo in più che «voi piangerete e vi rattristerete, ma il mondo si rallegrerà. Voi sarete afflitti, ma la vostra afflizione si cambierà in gioia». M’allora hanno capito. Nella mistagogia di questi giorni hanno visto per la fede il compimento di queste parole. Come nella loro tristezza della Sua passione ci sembrava che vincesse il mondo, ma non era così e la gioia di questa vittoria in Cristo nessuno può togliere.
Ma noi nello stesso periodo di meditazione e riflessione, sappiamo che queste parole di Gesù hanno un doppio compimento. Questo «un poco» dopo cui non vedremo Gesù è l’attesa dell’Ascensione. L’Ascensione quando Gesù torna al Padre copro ed anima e siede alla Sua destra per intercedere per noi. E non lo vedremo di più. Si, certo vediamo il Signore nei sacramenti, pero è una visione spirituale, un senso della fede, non corporale, gli sensi umani sono carenti. Come il Signore ha detto a Tommaso «beati quelli che pur non avendo visto crederanno!». Quindi questo «un po’ ancora» dopo cui vedremo Gesù di nuovo, dovrebbe essere allora, il tempo in attesa della Sua seconda venuta. Quella finale quando venga a giudicare i vivi ed i morti.
Pero se seguiamo questa logica, allora dovrebbe essere un tempo di tristizia; adesso ci stiamo nella valle delle lacrime, in cui il mondo rallegra, non noi. Gli Apostoli lo sapevano più di tutto, Pietro e Paulo crucifisso e decapitato. Tutti furono uccisi, martirizzati, e tanti altri con loro. Ma qui c’è una differenza. Dice che loro «se ne andarono dal sinedrio lieti di essere stati oltraggiati per amore del nome di Gesù» (Att 5,41). Gioia a causa delle sofferenze? In fatti, qui negli Atti degli Apostoli, così piena di sofferenze e persecuzioni—S. Stefano, per esempio—stiamo nel tempo dopo l’Ascensione, il tempo in cui «la vostra afflizione si cambierà in gioia». Quindi Gesù non promette una gioia per aver tolta le sofferenze, ma una gioia che non si può togliere. Una gioia che perdura sotto le afflizioni di questo mondo, la stessa gioia, possiamo dire, che Gesù aveva nella Sua Passione. Per «Questo vi ho detto perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena» (Gv 15,11).
Sulla questa gioia dobbiamo essere chiaro. Non è ridere, anche se I santi come San Filippo Neri che avevano questa gioia ridevano più che egli altri. Non è sorridere, anche se i santi come Santa Madre Teresa di Calcutta che avevano questa gioia avevano un sorriso più largo degli altri. Non è umorismo, anche se i santi come San Tommaso More scherzavano più che gli altri.
Questa gioia del martire è più fondamentale che questo. I martiri di questo secolo passato ci hanno mostrato questo. Martiri più numerosi che mai nella chiesa, e con tutto rispetto agli altri, con mezzi di tortura e morte più crudele e brutale che mai. Come «La donna, quando partorisce, è afflitta, perché è giunta la sua ora» non è tempo per ridere e scherzare. Pero c’è ancora gioia. Ci sono tanti spiegazione di come questa gioia nasce nel cuore del cristiano anche tramite le afflizioni. Ma direi che zelo è quello più efficace. «Lo zelo per la tua casa mi divora» (Gv 2,17; Sal 69,9). Questa gioia è lo zelo che si manifesta nelle virtù e nelle opere di carità. Come dice S. Pietro «La vostra condotta tra i pagani sia irreprensibile, perché mentre vi calunniano come malfattori, al vedere le vostre buone opere giungano a glorificare Dio nel giorno del giudizio». Questa gioia è l’energia dello soffio dello Spirito che agisce in noi. Come la donna che quando capisce la nuova vita di cui sta per partorire, si riempie di una forza che non termina a fin che da luce al bambino. Questa gioia è la vita di Gesù risorto che già viviamo in questo mondo nell’attesa della Sua venuta, ma non ancora compiuta quando «non si ricorda più dell'afflizione per la gioia che ha venuto».